"Tutto era com'era, ma peggio"

Prima della rivoluzione, il monarchico Shulgin era uno dei politici più importanti della Duma di Stato. Nel 1917 voleva salvare la monarchia: sia costituzionale, ma lo sarà. Ma lo stesso Nicola II dovette andarsene. Insieme a Alexander Guchkov, Shulgin accettò la sua abdicazione dal 2 marzo 1917. E il giorno dopo, anche il fratello dell'imperatore Michele abdicò. La monarchia è finita.
Quindi Shulgin sostenne il governo provvisorio, e quando cadde si unì al movimento bianco. Guerra, ritiro e, infine, emigrazione, vita e tentativi di continuare la lotta con i bolscevichi già in Europa.


Shulgin (a destra) durante un viaggio a Nicola II per la rinuncia. Fonte: aif.ru

In Russia, Shulgin lasciò due dei suoi tre figli. Il primogenito, Vasily, morì nel 1918, difendendo Kiev dai Petliuristi, il secondo - Benjamin - fu fatto a pezzi in una battaglia con Budyonnovtsy in Crimea e scomparve. Shulgin stava cercando di trovarlo. Nel 1921, insieme ad altri 10 avventurieri, salpò illegalmente su una goletta in Crimea. Da questa spedizione solo sette furono in grado di tornare. Nessuna traccia di suo figlio Shulgin trovato. Più tardi riuscii a scoprire che si trovava a Vinnitsa in una casa per malati di mente.
Nei primi anni 1920, i sovietici venivano spesso in Russia dalla Russia, e alcuni di loro entrarono in contatto con l'emigrazione. Una di queste persone, A. Yakushev, ha incontrato Shulgin e gli ha suggerito di organizzare un viaggio in Unione Sovietica. Yakushev era un membro dell'organizzazione sotterranea anti-bolscevica Trest. Shulgin esitò a lungo (come si scoprì in seguito, non per niente - la "Fiducia" fu scoperta), ma alla fine fu d'accordo. Il rischio è stato grande.


I figli di Shulgin, Basilio e Beniamino. Fonte: storico. RF
Negli anni '20, gli immigranti bianchi visitarono segretamente la Russia e scrissero su ciò che videro.

Durante il viaggio di Edward Emilievich Schmitt (come ora veniva chiamato Shulgin), Yakushev e i suoi conoscenti lo aiutarono. A Vinnitsa non era permesso. Se il figlio l'avesse riconosciuto durante l'incontro, la personalità di Shulgin sarebbe stata rivelata (e lui l'ha nascosto come meglio poteva, ha persino sviluppato una grande barba apposta). Così hanno mandato degli amici lì. Si è scoperto che il figlio è morto poco prima. Shulgin non ha raggiunto l'obiettivo principale del viaggio rischioso.
Ora doveva solo terminare la sua conoscenza della realtà sovietica. Nel giro di un mese e mezzo visitò le "tre capitali" dell'ex impero: Mosca, Kiev e Leningrado così familiari. Nell'emigrazione dell'URSS, erano rappresentati come venivano ricordati ai tempi della guerra civile - ai poveri, agli affamati, pieni di stracci abbattuti nelle strade. Shulgin si aspettava di vederlo. Chiese al primo contadino in arrivo: "E cosa, uomini, siete soddisfatti del potere sovietico?" E ricevette la risposta: "Che diavolo, sei soddisfatto! Chi è felice ora? "Ma lentamente la vita nella NEP Russia è andata liscia.


1920 Leningrado Fonte: russkiymir.ru

Più tardi Shulgin ha scritto un libro su questo viaggio chiamato "Tre Capitali". Valutando ciò che vedeva, spesso riassumeva: "Tutto era come prima, ma peggio". Le persone sono più povere e più ruvide, i militari senza spalline, le imprese commerciali senza il loro antico splendore. Anche i tre rubli erano verdi, come prima, ma "più piccoli nel formato e mal fatti". E tutto è un po 'più costoso. "Il socialismo rende la vita più costosa ... Naturalmente, questo è" paradiso ". Può essere economico in paradiso? "Ha scritto Shulgin.

Negli anni '20, i leader antisovietici erano in contatto con l'emigrazione bianca.


Kiev pre-rivoluzionaria. Fonte: interesniy-kiev.livejournal.com

Shulgin era anche indignato per la povertà letteraria dell'URSS: "Ciò che non è affatto in queste vetrine illuminate è finzione. Da dove viene? Vecchio rifiutato, ma non nuovo. [...] Hanno attaccato la censura russa, in particolare il "Nicholas". Ma "nikolayevshchina" ci ha dato Pushkin e tutto ciò che segue questo nome. Il leninismo ci darà qualcosa? Demyan Poor? Quindi, anche Yesenin era stufo di lui. "
Shulgin ha anche notato le code giornaliere (anche per un prodotto che nessuno voleva prendere prima), qualche trading è diminuito. Le persone, a suo parere, quasi non cambiano, le relazioni tra loro sono rimaste le stesse. Il posto della vecchia aristocrazia viene gradualmente preso dai nuovi membri del partito. La NEP (la nuova politica economica di Lenin, che consentiva alle persone di produrre e commerciare nuovamente), secondo Shulgin, dovrebbe essere definita la "vecchia politica economica": "Quindi, la nuova politica era imparare a commerciare ... alla vecchia maniera. C'è un limite alla stupidità umana? [...] NEP, cioè, un tentativo di tornare alla vecchia situazione, ma non del tutto, ha riportato la vita, ma anche "non proprio", cioè: la vita è diventata due volte più costosa di quanto lo fosse sotto i re. La gente parlava ora di spese e code. La rivoluzione ha portato il paese ai "limiti dell'orrore" per poi tentare disperatamente di tornare allo stato prebellico - questo è il significato della rivoluzione che è accaduta ".


Negozio di Leningrado dal NEP. Fonte: ok-inform.ru

Shulgin ha concluso che i comunisti non possono e non saranno in grado di dare al popolo il "paradiso" promesso, la delusione del popolo indebolirà il regime dall'interno e, alla fine, lo distruggerà. Ci vorranno decenni per adempiere a questi pensieri profetici.
Presto Shulgin tornò in Europa allo stesso modo. Come si è scoperto, i responsabili della sicurezza sapevano già tutto del viaggio "segreto" di Shulgin. Perché non è stato detenuto e restituito? Questa domanda si è posta. Apparentemente, Dzerzhinsky era soddisfatto del fatto che Shulgin avrebbe visto le città più importanti e più prospere dell'URSS e poi avrebbe riferito all'emigrazione che la NEP aveva notevolmente rianimato la situazione. "Tutto è come era, ma peggio" - questa valutazione era già un duro colpo per l'ideologia emigrata, secondo la quale il primo era irrimediabilmente andato, e "sovdepi" era solo una grande prigione. Negli anni '20. guerra dell'informazione con l'emigrazione era all'ordine del giorno, per la decomposizione della sua ideologia e fu usato Shulgin.

Gli immigranti bianchi che ritornarono nell'URSS furono attivamente utilizzati per la propaganda.


Shulgin in esilio. Fonte: ru. althistory. wikia.com

Quando Shulgin venne a sapere che era stato trattenuto, decise che non era più adatto alla politica. Ma per qualche tempo, per inerzia, continuò a occuparsene. Pochi anni dopo, lui e sua moglie si stabilirono in Jugoslavia e condussero una vita da persona assolutamente non pubblica. Nel 1944, quando le truppe sovietiche si avvicinarono, decise di non andarsene. Una mattina, uscì con una lattina di latte, e sulla strada un combattente lo fermò e gli chiese di andare all'ufficio del comandante per un po '. Ma "non per molto" non ha funzionato. Shulgin è stato arrestato e portato in Lubjanka. Per le attività anti-sovietiche nel 1947, lui (a proposito, non un cittadino sovietico, dal momento che non ha ricevuto un nuovo passaporto) è stato condannato alla più alta misura - 25 anni di carcere. Se la pena di morte non fosse stata abolita per un paio d'anni, gli avrebbero sparato.


Dal caso investigativo. Fonte: commons. wikimedia.org

Nel 1956, sotto l'amnistia, Shulgin fu rilasciato dalla prigione di Vladimir. Gli fu dato un appartamento in una normale casa sovietica, una pensione sovietica, permesso di venire da sua moglie. Visse a Vladimir fino alla sua morte nel 1976. Durante il periodo più caldo di Krusciov, Shulgin fu usato per la propaganda, gli fu permesso di scrivere, portò in giro per l'URSS e mostrò il meglio.


Alla fine della vita, a casa a Vladimir. Fonte: esokoloff. wordpress.com

Fino alla fine della sua vita, è rimasto un cittadino dell'impero russo. Ma ammise che non era necessario rovesciare il potere sovietico e combatterlo: l'esperimento sovietico era già andato così lontano che doveva essere portato a termine. In questo caso, i cambiamenti fondamentali nella vita della Russia e il suo restauro sono inevitabili.
fonti:
Wojciechowski S. L. Episodi. Londra - Canada: "Zarya", 1978.
Shulgin V.V. Lettere agli emigranti russi. M .: Casa editrice di letteratura socio-economica, 1961.
Shulgin V.V. The Last Witness: Memoirs. Saggi. Sogni. / Comp., Entry. Art., Postfazione N. N. Lisovoy. M .: OLMA-PRESS Star world, 2002.
Shulgin V.V. Shadows, che sono / comp. R.G. Krasyukov. SPb.: Nestor-History, 2012.
Shulgin V.V. Tre capitali. M .: Sovremennik, 1991.
Immagine diretta: aif.ru
Immagine di copertina: storico. RF

Loading...

Categorie Popolari