"Ci sono dei buoni artisti tra i suzdaliani?"

Nella città di Suzdal, che un tempo era il centro della provincia, e ora appartiene alla provincia di Vladimir, nella città stessa e nei villaggi circostanti sono fatti quei dipinti che possono essere chiamati il ​​pretesto del culto russo, se non il loro oggetto. Questi dipinti sacri sono dipinti su tavolette di legno, versati dal metallo in bassorilievo, smaltati e probabilmente anche tagliati dal legno. Se le immagini scultoree dei santi sono anche prodotte nello stesso momento è dubbio, perché Pietro il Grande proibì statue nelle chiese.

Mi piacerebbe avere informazioni dettagliate su questi articoli in relazione alla loro produzione: il numero di persone coinvolte in questa attività e se questa produzione è un ramo significativo del commercio.

È possibile sapere per quanto tempo queste istituzioni sono state localizzate in questo posto? Ci sono ancora vecchie icone greche che vengono copiate come pattern? Ci sono dei buoni artisti tra i suzdaliani? Tutto è scritto nel vecchio stile sacro? Oppure stanno anche scrivendo altre trame in un modo più moderno?

Sarebbe molto piacevole avere campioni di ogni tipo di queste icone, anche le più piccole, il lavoro dei migliori artisti contemporanei possibili, perché sarebbe istruttivo per un amante dell'arte vedere come il ramo dell'arte che è venuto dall'antichità a Costantinopoli sia sopravvissuto fino ad oggi senza cambia per imitazione, mentre in tutti gli altri paesi l'arte avanzava e veniva allontanata dalle sue forme religiose rigorose originali.

Sebbene in questa zona non ci siano rosari fatti nei monasteri, mi piacerebbe anche avere alcuni esempi di questi ultimi, specialmente quelli portati dai monaci del Monte Athos.

Fonte: Wolfgang Goethe. Articoli e pensieri sull'arte. - M .: Arte, 1936. - P. 371 - 372.

Immagine dell'annuncio: iperceptive.com
Immagine principale: weeklystandard.com

Guarda il video: benny blanco, Halsey & Khalid Eastside official video (Dicembre 2019).

Loading...