E se non ci fosse stata la prima guerra mondiale

Potrebbe essere?

C'è un'opinione secondo cui se l'arciduca austriaco Franz Ferdinand fosse tornato vivo e illeso (o, almeno, solo vivo) da Sarajevo, allora non ci sarebbe stata la guerra. Ma questo è un errore. L'omicidio di Sarajevo era una causa, ma non la causa di un conflitto globale scoppiato nell'estate del 1914. Le ragioni vanno ricercate nel campo della geopolitica. I sei-sette poteri divisero il mondo in sfere d'influenza, ei loro interessi divennero in netta contraddizione. E quando Franz Ferdinand morì, le tensioni nella politica mondiale potevano già essere tagliate con un coltello. Cresce dalla fine del 19 ° secolo. E per l'esplosione era necessaria solo una ragione. Franz Ferdinand aveva molte più possibilità di sopravvivere a Sarajevo che in Europa - per evitare la guerra.


Guglielmo II - l'ultimo imperatore di Germania

Se torniamo agli eventi bosniaci, la morte dell'Arciduca è stata, nel complesso, una catena di tragici incidenti. Franz Ferdinand sapeva che la guerra terrorista non dichiarata era in corso nei Balcani da diversi anni. Che i sostenitori della liberazione della Bosnia dall'Austria-Ungheria (o meglio i campioni dei diritti dei serbi ortodossi che si rivelarono essere i soggetti di Francesco Giuseppe) stanno preparando tentativi di assassinio su quasi tutti gli austriaci di alto rango che entrano nel loro territorio. Fu per questo che l'arciduca cancellò due volte la sua visita a Sarajevo. Potrei cancellare la terza volta, perché la ragione era folle: visitare le manovre e aprire un museo. Finalmente, al momento dell'omicidio, era già abbastanza chiaro che la vita dell'erede al trono austriaco era in pericolo, poiché un tentativo di attacco era già fallito. Inoltre, il Principio avrebbe potuto mancare, e Franz Ferdinand, che era ferito, sarebbe sopravvissuto se l'aiuto fosse arrivato in tempo. Solo che non cancella la cosa principale. L'occasione avrebbe trovato lo stesso. Il giugno 1914, quindi in agosto o in autunno. La guerra era inevitabile e l'omicidio di Sarajevo l'avvicinava. Inoltre, è trascorso un mese tra la morte dell'Arciduca e la dichiarazione di guerra. I poteri cercarono di accordarsi su qualcosa, ma, ovviamente, erano già nella fase in cui era impossibile raggiungere un accordo.

geopolitica

La situazione in Europa al momento della morte di Franz Ferdinand fu tesa al limite. Come accennato in precedenza, i poteri principali, infatti, hanno già diviso il mondo in entrambi i loro domini o sfere d'influenza. L'America, dove la maggior parte dei paesi raggiunse l'indipendenza entro la metà del 19 ° secolo, non entrò nella zona di partizione. Ma tutti gli altri territori dall'Oceano Atlantico alla linea della data, più l'Oceania, erano, in un modo o nell'altro, divisi. Anche i paesi formalmente indipendenti erano sotto l'influenza di qualcuno, politico o economico. L'unica eccezione fu il Giappone, che riuscì a superare le pressioni esterne grazie alle famose riforme dell'imperatore Meiji. Un paio di semplici esempi: la Bulgaria indipendente aveva, con una popolazione completamente ortodossa, dipendente dall'impero tedesco, il re cattolico, la Persia indipendente nel 1910 era divisa in sfere di influenza dalla Russia e dalla Gran Bretagna.

Se non fosse per la prima guerra mondiale, non ci sarebbe una seconda

Il trattato, infatti, era una divisione, non si supponeva alcuna partecipazione della parte persiana in essa. Tuttavia, l'esempio più significativo è la Cina. Il Celestial fu fatto a pezzi dalle grandi potenze nel 1901, il campo della rivolta di Ihetuan. E 'stato soppresso da una coalizione da Russia, Giappone, Regno Unito, Francia, Stati Uniti, Germania, Italia e Austria-Ungheria. Il contingente degli ultimi due paesi era 80 e 75, rispettivamente. Tuttavia, Italia e Austria-Ungheria insieme a tutti hanno partecipato alla firma di un trattato di pace, in base ai risultati dei quali, la Cina, pur mantenendo l'indipendenza formale, è diventata una zona di interessi economici di otto paesi contemporaneamente.


Nicola II, Giorgio V e il re belga Alberto

Quando tutti i territori sono già divisi e mangiati, c'è solo una domanda, quando le persone che si dividono vengono coinvolte in un conflitto tra loro. Evidentemente le grandi potenze hanno tenuto a mente il futuro conflitto. Non c'è da meravigliarsi che prima della guerra si siano concluse alleanze geopolitiche globali. Intesa: Gran Bretagna, Francia, Russia e Poteri Centrali: Germania e Austria, a cui si unirono in seguito l'Impero Ottomano e la Bulgaria. Tutto ciò ha gettato una polveriera in un'Europa pacifica. Tuttavia, l'Europa non era già pacifica. Ha combattuto costantemente e continuamente. L'obiettivo di ogni nuova campagna, anche se molto piccola, era il desiderio di tagliare altri chilometri quadrati per se stesso sotto la sfera di influenza. Tuttavia, un'altra cosa è importante, ogni potere aveva un interesse che andava contro gli interessi di un altro potere. E questo rese inevitabile un altro conflitto.

inevitabile

I governi di Austria, Germania, Impero Ottomano, Russia, Gran Bretagna e Francia erano interessati alla guerra l'uno con l'altro, perché non vedevano alcun altro modo per risolvere dispute e contraddizioni esistenti. Gran Bretagna e Germania hanno diviso l'Africa orientale e sudoccidentale. Allo stesso tempo, Berlino non nascose di sostenere i boeri durante le guerre anglo-boere e Londra rispose con una guerra economica e la creazione di un blocco di stati anti-tedeschi. Anche la Francia ha ricevuto numerose denunce contro la Germania. Una parte della società esigeva una vendetta militare per l'umiliazione della guerra franco-prussiana del 1870-1871, che portò la Francia a perdere l'Alsazia e la Lorena. Parigi cercò il loro ritorno, ma in nessun caso la Germania avrebbe dato via questi territori. La situazione potrebbe essere risolta solo con mezzi militari. Inoltre la Francia era scontenta dell'invasione austriaca dei Balcani e considerava la costruzione della ferrovia Berlino-Baghdad come una minaccia ai suoi interessi in Asia.


Franz Joseph

La Germania ha chiesto una revisione della politica coloniale dell'Europa, chiedendo costantemente concessioni da altre potenze coloniali. Per non parlare del fatto che l'Impero, che esisteva da poco più di quarant'anni, cercò di governare, se non in tutta l'Europa, almeno nella sua parte continentale. L'Austria-Ungheria aveva enormi interessi nei Balcani e veniva percepita come una minaccia alla politica della Russia volta a proteggere gli slavi e gli ortodossi nell'Europa orientale. Inoltre, l'Austria ha avuto una lunga controversia con l'Italia sul commercio nel Mar Adriatico. La Russia, oltre ai Balcani, voleva ottenere il controllo dello stretto tra il Mar Nero e il Mar Mediterraneo. Il numero di rivendicazioni reciproche e situazioni di conflitto suggeriva solo una via d'uscita: la guerra. Immagina un appartamento in comune. Sei stanze, in ognuna delle quali vive una famiglia di persone ben armate. Hanno già diviso il corridoio, la cucina, il bagno e il bagno e vogliono di più. La domanda è: chi controllerà l'intero appartamento comunale? Allo stesso tempo, le famiglie non possono essere d'accordo l'una con l'altra. Quello che accadrà in un appartamento del genere è la guerra. Necessario solo un motivo. Nel caso dell'Europa, l'omicidio di Franz Ferdinand era un tale pretesto. Non sarebbe il suo, ci sarebbe un altro motivo. Ciò, a proposito, è dimostrato in modo abbastanza convincente dai negoziati svoltisi nel luglio del 1914. Le grandi potenze avevano un mese per negoziare, ma non hanno nemmeno provato a farlo.

Un po 'di finzione

Ma diciamo che è successo un miracolo. I grandi poteri, in qualche modo, hanno concordato e risolto tutte le dispute pacificamente. Proviamo a immaginare quale sarebbe il prossimo.

Rallentare il progresso tecnico. È triste, ma la prima guerra mondiale ha notevolmente stimolato lo sviluppo del pensiero tecnico. Non si tratta solo di carri armati e sottomarini. Riguarda il rapido sviluppo del trasporto in generale, e in particolare dell'ingegneria e dell'aviazione. Dopo il primo mondo, le macchine e gli aerei cessarono di essere percepiti come una curiosità. Sono diventati ogni giorno. Le aziende impegnate nella produzione di automobili hanno letteralmente trasformato l'oro durante gli anni della guerra. Hanno guadagnato denaro per decenni a venire, avendo ricevuto enormi opportunità per l'implementazione di progetti piuttosto costosi. Questo per non parlare di tutti i tipi di indulgenze. Ad esempio, sulle agevolazioni fiscali per la Renault, i cui prodotti hanno notevolmente aiutato la Francia durante la prima guerra mondiale.


Raymond Poincaré

Ridimensionamento degli Stati Uniti

L'unico paese che ha guadagnato molto dalla prima guerra mondiale è gli Stati Uniti d'America. Gli Stati Uniti hanno tenuto solo la filigrana. Non entrarono in guerra fino al 1917, ma unendosi all'Intesa nelle fasi finali, ottennero lo status di paese vincente. A proposito, invece della Russia, che ha lasciato la guerra. Gli Stati Uniti evitavano enormi spese militari e enormi perdite umane. La loro economia crebbe e iniziò a giocare un ruolo molto significativo nel mondo. Ma lo status del vincitore ha permesso loro di cambiare a loro favore il sistema delle relazioni internazionali - il presidente Woodrow Wilson ha esercitato pressioni per la creazione della Società delle Nazioni, che era vantaggiosa per gli Stati Uniti molto più di Gran Bretagna e Francia. Nel 1922, Washington impose il Giappone, anche il paese vittorioso, un trattato sulla riduzione dei suoi armamenti nel Pacifico.

L'età degli imperi continuerebbe. La prima guerra mondiale distrusse quattro potenze molto grandi dall'interno: la Russia con l'Austria-Ungheria, l'Impero Ottomano e il giovanissimo Impero tedesco. È probabile che questi paesi mantengano ancora la monarchia, se non la prima guerra mondiale.

La seconda guerra mondiale non esisterebbe neanche. Quando il famoso maresciallo Foch vide il progetto di trattato di pace con la Germania, disse: "Questa non è la pace, ma una tregua di dieci anni". Maresciallo è stato scambiato per 11 anni, il che non cancella la sua rettitudine. Seconda guerra mondiale - una continuazione logica della prima guerra mondiale. Le sue cause derivano dalle conseguenze della Grande Guerra.

Guarda il video: TOP #10 SCENARI La Germania VINCE la Prima Guerra Mondiale (Marzo 2020).

Loading...

Categorie Popolari