"Penso quasi sempre a te ..."

[Auckland, 1901]

Cara Anna!

La tua lettera è un'aggiunta stupenda ed elegante di un libro. Ho voglia di vederlo stampato (un libro, ovviamente, ma intendo la tua lettera). Voglio vederlo completo.

E anche se non ho potuto rispondere alla tua lettera, ciò nonostante mi ha spinto a lavorare. Qui troverai il mio tentativo di riscrivere la prima lettera. Mi sono seduto lì per due giorni e l'ho seriamente rielaborato. Per le difficoltà che ho, e per esperienza con la prima opzione terribile, concludo che dovrò riscriverlo una terza volta (con editing finale) in modo che appaia decente. Tuttavia, lo mando così com'è. Non potevo nemmeno immaginare che le mie prime lettere fossero così cattive. Adesso lo vedo.

Noterai che ho preso poco spazio per Esther e più spazio per altre cose non importanti. Ho descritto la sua psicologia, la sua composizione intellettuale, come sembra all'amabile Herbert Wace. Per il lettore, ho già aperto una crepa tra te (Dan Campton) e me. All'inizio del libro, siamo consapevoli delle nostre differenze, vagamente consapevoli; indubbiamente, uno dei compiti del libro sarà quello di dividerci in modo tale che questo crack sia chiaramente segnato.

Sostituirò il mio proprietario terriero con un amico Gwynn. Svilupperò per lui una linea d'amore che culminerà in una delle sue lettere; Naturalmente, la storia d'amore sarà in prova disputa a mio favore.

Sbrigati a catturare il postino.

Domenica sera alle 901.

cricco

[Auckland 1901- inizio 1902]

Cara Anna!

Qui troverai la lettera numero 2. Devo confessare la mia colpa nello stesso sentimento che ti perseguitava quando mi scrivevi.

Non so cosa fare Come in una nebbia, sento che ho torto in tutto, che non costruisco personaggi come dovrei, o che scrivo anche lettere che non sono come dovrebbero essere scritte. Ma spero - nel tempo tutto invecchierà. In ogni caso, questo è un buon modo per comprendere onestamente i limiti delle capacità umane.

Come ti senti riguardo a quello che sto facendo dal poeta Hester? Poeta o poetessa? Odio la parola "poetessa". La parola "lyrist" esiste? C'è la parola "lyric" che significa la stessa cosa, ma non mi piace. Capisci la mia nuova scuola poetica, che potrebbe essere fondata da Esther? La poesia della macchina secolo. Posso svilupparlo nelle lettere successive.

Hai notato, Dan Campton, che non ti ho detto nulla riguardo all'apparizione di Esther? Non mi piace saturare, finire conflitti minori. Può sembrare che io accetti il ​​problema controverso per la soluzione e, tuttavia, non riesco a immaginare un modo diverso e la sua soluzione. Mi sembra quasi certo. Forse mi sbaglio. Non posso dire

Eccolo. Fatti conoscere. Non riesco più a scrivere È stato interrotto oggi, ha continuato a scrivere di notte ed era stanco morto. Inoltre, lotto con un forte raffreddore.

Buonanotte, caro, e per favore critichi senza pietà, specialmente gli errori di gusto.

Jack.

Sabato. 29 marzo [19] 02.

Caro te!

Ho provato a scriverti una bella lunga lettera, ma la gente è venuta, devi raderti ora o mai e scattare una foto in una stanza buia.

Ho pensato a te quasi incessantemente dall'ultima volta che eri qui, ero molto preoccupato se ti avessi offeso non andando con te da questa signora inglese. Tutta la settimana ho faticato con questa storia, parte della quale leggi. L'ho finito ieri sera: 10 mila parole.

Sai, non contando le lettere che verranno inserite, ne abbiamo già fatte 50 mila per il nostro libro!

Ho bisogno di una tua lettera che ti dica che verrai in California. Inoltre, in una delle tue lettere di Stanford, dovrebbe essere stilata una riga in modo che il nostro incontro, che immagino, debba precedere il tuo incontro con Esther, segua.

Bene, come, e! Ora iniziamo a modificare! Devi venire a vivere con noi in questo momento importante. È bello qui, più come un sogno che come una vera vita.

Jack.

Fammi sapere se la lettera è appropriata o se ne hai bisogno di un'altra.

Guarda il video: benny blanco, Halsey & Khalid Eastside official video (Dicembre 2019).

Loading...