Gogol e le sue stranezze

A proposito di passaporto e rapporti di polizia
Secondo le testimonianze di M. P. Pogodin e S. T. Aksakov, Gogol evitava spesso di presentare il suo passaporto agli ispettori e, a volte, a causa di vari trucchi, "lasciava con un passaporto non registrato". "Certo," aggiunse S. T. Aksakov, "diversificò le sue invenzioni. L'unica cosa è che io e altri abbiamo visto il suo passaporto tornare dall'estero quasi bianco; ed è noto come i passaporti all'estero siano consumati dagli appunti ".
("Note sulla vita di N. V. Gogol ..." di P. A. Kulish).
M. Pogodin ha riferito: "Gogol mi ha assicurato che non ha mai approvato il suo passaporto, e non lo ha mai abbandonato, eludendo varie domande dalla polizia. Gloria della sua ingenuità, ma non gli credo bene! "
("The Year in Foreign Lands. 1839. The Road Diary of M. Pogodin" (capitolo 2-4).
"Gogol non ha mai voluto mostrare a nessuno il suo passaporto a nessuno, e doveva essere tirato fuori dalla tasca con le zecche. Mi ha anche assicurato che quando va da solo, non mostra mai passaporti a chiunque attraverso l'Europa con vari pretesti ".
("Estratto da una nota sul soggiorno a Roma con Gogol e Shevyrev nel 1839" M. P. Pogodin).
A proposito di illustrazioni di libri nei suoi scritti
"Due volte di recente Gogol mi ha scritto. È a Roma e si lamenta della sua cattiva salute. Un artista locale gli ha offerto la 2a edizione di "Dead Souls" con un centinaio di foto di grandi dimensioni e una miriade di piccoli; ma Gogol ha risposto che considera le immagini nel libro per le droghe riservate con cui la spazzatura è condita. Questa è completamente la mia convinzione ".
(P. A. Pletnev - D.I. Koptev, 5 aprile 1846)

Chichikov arriva nella città di N. (literaturus.ru)

"Gogol mi ha scritto ieri che non era d'accordo con" Dead Souls "che ordina a Vernadsky di pubblicare con incisioni, che lui chiama pozioni di confetite per la vendita di merci marce"
(P. A. Pletnev - J.K. Grotto, San Pietroburgo., Mercoledì 3 aprile 1846).
Informazioni sull'attività pedagogica
"C'erano opinioni controverse sulla sua cattedra e, come per controllarle, V. A. Zhukovsky e A. S. Pushkin hanno deciso di partecipare inaspettatamente alle sue lezioni. Conoscendo il giorno e l'ora, entrambi insieme sono venuti ad ascoltare la conferenza di N. V. Gogol. Che la loro visita sia stata una sorpresa completa per il nostro professore, chiaramente espressa dal fatto che entrambi i visitatori famosi hanno dovuto aspettare con noi, studenti, per mezz'ora: le lezioni in quel momento continuavano secondo le regole per un'ora e mezza; Gogol trovò questa volta troppo lungo, noioso, e solo alla sua prima lezione pronunciò tutto il tempo assegnato; poi accorciò la lunghezza delle sue lezioni e, per non interrompere le lezioni troppo presto, di solito era in ritardo per mezz'ora, a volte per tre quarti d'ora "
(S.I. Baranovsky - J.K. Grotto, pubblicato nell'Archivio russo, 1906. n. 6).

Ritratto di Gogol. (Artchive.ru)

Sulla masterizzazione del secondo volume
"Alle tre di sera svegliai il ragazzo dei suoi semi. Gli ho chiesto: è più freddo nella stanza in cui lavorava? Il ragazzo rispose che era molto più freddo. Ha disobbedito alle sue convinzioni per andare a letto; vestito con un caldo mantello, prese una candela e andò in ufficio, ordinò al ragazzo di seguirlo, rimase in tutte le stanze e fu battezzato. Quando arrivò in ufficio, disse al ragazzo di aprire la pipa, ma con tanta attenzione da non svegliare una sola persona. Nel frattempo, stava selezionando i suoi documenti: alcuni era stato messo nella valigetta, altri era destinato a essere bruciato. Quest'ultimo disse al ragazzo di legare la pipa e metterla nel camino. Semyon si precipitò in ginocchio davanti a lui e lo sollecitò in lacrime a non bruciarli, dicendogli che se ne sarebbe pentito quando si fosse ripreso. "Non sono affari tuoi!" Rispose. Ha acceso il giornale. Quando gli angoli sono stati bruciati, il fuoco ha cominciato ad uscire. Il ragazzo fu felice. Ma Nikolai Vassilievich se ne accorse, ordinò di sciogliere il fagotto, mettere più fuoco e girare i fogli finché non si ridussero in cenere. Durante l'intero incendio, fu battezzato. Alla fine del caso, da esaurimento, affondò in una sedia. Il ragazzo gridò e disse: "che hai fatto questo?" - "Ti dispiace per me", gli disse, lo abbracciò, lo baciò e cominciò a piangere. Incrociando come prima, tornò in camera da letto, si sdraiò sul letto e pianse amaramente. La mattina presto Earl Tolstoy ha saputo dell'incidente e si è presentato da lui. Gli confessò ciò che aveva fatto e ne parlò con pentimento, attribuendo questa materia all'influenza di uno spirito immondo. "Heather furbo! - disse, - Volevo bruciare solo documenti inutili, e invece ho bruciato quelli di cui avevo bisogno. "
(Una lettera di S.P. Shevyreva, M.N. Sinelnikova, sugli ultimi giorni e la morte di N. V. Gogol, "Antichità russa", 1902, n. 5)

Guarda il video: Curiosità da google, Berlusconi è morto, mafioso e soprattutto ALTO! (Ottobre 2019).

Loading...