Arma fredda. balestra

Ma la storia della balestra è iniziata molto prima di questi eventi - di nuovo nell'antichità. È vero, chi e quando esattamente l'ha inventato non è ancora chiaro. Si ritiene che la Cina potrebbe essere il luogo di nascita della balestra. Così, negli anni '50 del XX secolo, gli archeologi cinesi scoprirono i resti di balestre risalenti al IV-III secolo aC. Considerando anche il complesso delle fonti scritte sopravvissute, i ricercatori concludono che una balestra potrebbe apparire nel sud della Cina intorno al V secolo aC. Tuttavia, inizialmente non era manuale. La maggior parte degli storici concorda sul fatto che sia originata dalla macchina da lancio - arcotteri.


Arkballista

Arkballista, infatti, era un grosso arco sulla macchina o una carrozza (base in legno, a volte ruota). Nella grondaia c'era una freccia o un cilindro per spingere un proiettile rotondo (pietre o nucleo di piombo). La presenza di tali macchine nel IV-III secolo aC fu menzionata anche dagli antichi storici greci.

Richard è morto per avvelenamento del sangue dopo essere stato colpito da una balestra.

Ad esempio, Diodoro di Sicilia nella sua "Biblioteca storica" ​​scrisse che i Greci al tempo di Demetrio Poliokrit, che governarono la Macedonia all'inizio del III secolo aC. er., erano noti balisti. Il nome francese moderno dell'arma "balestra" deriva dal latino arcaballisto: arcus - "arc", ballisto - "throw". Allo stesso tempo, ad esempio, la balestra inglese indica il particolare design della pistola (poiché la croce è "incrociata", l'arco è arco e arco), mentre l'equivalente tedesco, muore Armbrust, viene letteralmente tradotto come "armato" mano ". Si scopre che ognuno dei nomi a suo modo corrisponde e caratterizza davvero l'arma stessa.


arbalester

Anche la data esatta dell'aspetto della balestra in Europa non esiste. Si sa che le balestre erano già presenti nella prima crociata, tenutasi alla fine dell'XI secolo (sebbene ci siano ricercatori che credono che gli europei abbiano preso le balestre dai Saraceni subito dopo la campagna). A proposito di balestre menzionate nelle storie della conquista dell'Inghilterra di William I nel 1066, cioè trent'anni prima della prima crociata dei crociati. Inoltre, la Bibbia del tardo X secolo, conservata nell'abbazia di Saint-Germain in Francia, ha una miniatura su cui è impresso un balestriere, che parla anche di un precedente uso di armi in Europa e in Francia in particolare. Il ricercatore tedesco di armi Vendalen Beheim nella "Enciclopedia delle armi" fa riferimento, tra le altre cose, al saggio "Alessiade" di Anna Komnina, figlia dell'imperatore bizantino Alessio, nella quale descrive la prima crociata.

In Cina, i resti di balestre IV-III secolo. BC

In essa, chiama la balestra la parola "tzagra" - "archi di un nuovo tipo" e descrive in dettaglio il principio del suo funzionamento: "Questo dispositivo tsagr precedentemente sconosciuto non è un arco che si tiene nella mano sinistra e tirato da destra, può essere dato azione, se chi la tiene, si piega in avanti, mette entrambe le gambe sull'arma, tirando contemporaneamente la corda con entrambe le mani ".


Balestra di carico

Si crede che a cavallo dei secoli XI-XII, quando le balestre cominciarono a guadagnare popolarità, i metodi di tensionamento della corda dell'arco con l'aiuto di un gancio e staffa, così come le tapparelle, erano ampiamente usati. L'arco per la balestra era realizzato con materiali diversi, che ne assicuravano maggiore elasticità e forza di tensione, quindi la cotta di maglia non era praticamente protetta da essa: "Le frecce che investono in essa sono molto corte, ma spesse e hanno pesanti punte di ferro.

Balestre presenti nella prima crociata del 1096

Una freccia, lanciata con potenza tremenda, ovunque colpisca, non rimbalza mai indietro, ma penetra attraverso lo scudo e lo spesso guscio e vola su. È così forte e inarrestabile il volo di queste frecce "(Anna Comnina" Alexiada ").

La balestra, tuttavia, era molto facile da usare, a differenza dello stesso arco, il cui tiro doveva essere lungo e difficile da imparare. Infatti, anche un contadino che non era addestrato a sparare poteva colpire un cavaliere vestito con un'armatura. Non sorprende che nel XIII secolo non si potesse fare una sola campagna militare senza l'uso di balestrieri. Ma in Russia, le balestre, o come "balestre" erano chiamate, non erano così comuni come in Europa: per esempio, nelle città distrutte dai mongoli-tatari nel 1240, solo l'1,5-2% delle punte di bulloni balestra del totale numeri di frecce. Tuttavia, secondo l'Ipatevskaya Chronicle, nella seconda metà del 13 ° secolo, le balestre erano usate dai russi per la difesa delle fortezze, compresi i cittadini comuni.

In Russia, le balestre erano chiamate "balestre"

L'uso attivo della balestra si concluse con il miglioramento delle armi da fuoco, che le sostituì completamente nell'arsenale degli eserciti europei dal XVI secolo. Per diversi secoli, il miglioramento della balestra si fermò fino a quando un nuovo round di interesse per l'arma sorse a seguito dello sviluppo degli sport di tiro nel 20 ° secolo. Tuttavia, i modelli moderni non sono sportivi, ma le balestre da combattimento possono essere equipaggiate con mozziconi pieghevoli, mirini ottici e negozi di frecce.

Guarda il video: RAVE IN THE REDWOODS: ARMA SEGRETA FIOCINA TUTORIAL ITA (Dicembre 2019).

Loading...

Categorie Popolari