Truth or Bonfire: la storia di Galileo Galilei

Galileo era figlio di un musicista. Fin dalla tenera età il ragazzo era attratto dall'arte. Lo scienziato era un buon interprete e l'onda decentemente dipinta. Artisti fiorentini - Chigoli, Bronzino e altri - si sono anche consultati con lui su questioni di prospettiva e composizione.

Galileo, che era diventato vittima della chiesa, in gioventù pensava di andare dai sacerdoti, ma su insistenza del padre entrò all'Università di Pisa per studiare medicina. Fu allora che Galileo fece conoscenza con la matematica e fu affascinato da questa scienza.

Galileo iniziò a condurre esperimenti fisici.

Già negli anni della sua carriera, Galileo si guadagnò una reputazione come un indomabile dibattito tra gli insegnanti. Il giovane credeva di avere il diritto di esprimere la propria opinione su tutte le questioni scientifiche, ignorando le autorità tradizionali.

Prima di Galileo, i metodi scientifici differivano poco da quelli teologici e cercavano ancora risposte a domande scientifiche nei libri di antiche autorità. Galileo fu il primo a iniziare a condurre esperimenti e studi teorici. Questa posizione, sostenuta da Cartesio, fu stabilita e la scienza ricevette il suo criterio di verità e un carattere secolare.


Compassa la Galilea

Galileo studiò l'inerzia e la caduta libera dei corpi. In particolare, ha notato che l'accelerazione della caduta libera non dipende dal peso del corpo, confutando così l'affermazione di Aristotele che la velocità di caduta è proporzionale al peso del corpo.

Lo scienziato ha formulato la prima legge della meccanica (la legge dell'inerzia): in assenza di forze esterne, il corpo riposa o si muove in modo uniforme.

Galileo è uno dei fondatori del principio di relatività nella meccanica classica. Ha pubblicato uno studio sulle oscillazioni di un pendolo, sulla base del quale Huygens creerà un orologio con un regolatore del pendolo. Da quel momento in poi apparve la possibilità di misure accurate nella fisica sperimentale.

Galileo sconfisse le idee di Aristotele nel campo della meccanica

Per la prima volta nella storia della scienza, Galileo sollevò la questione della resistenza delle barre e delle travi alla flessione e segnò così l'inizio di una nuova scienza: la resistenza dei materiali.

Possiamo ringraziare Galileo per aver inventato bilance idrostatiche per determinare la proporzione di solidi; il primo termometro; bussole e microscopio.

Con l'aiuto di un telescopio disegnato da lui, Galileo scoprì le montagne sulla luna; ha detto che la Via Lattea consiste di singole stelle; scoperto 4 satelliti di Giove; fasi di Venere; le macchie solari. Ha detto che il Sole ruota attorno al suo asse. Galileo notò anche le strane "appendici" di Saturno, ma l'apertura dell'anello fu impedita dalla debolezza del telescopio e dalla rotazione dell'anello, che lo nascosero dall'osservatore terrestre.

Le scoperte di Galileo hanno contribuito alla creazione del sistema eliocentrico del mondo, che ha attivamente promosso. La fama e l'autorità dello studioso erano così impressionanti che andò persino a Roma per incontrare papa Paolo V nella speranza di convincere il pontefice che il copernicanesimo è del tutto compatibile con il cattolicesimo.

La chiesa ha definito ufficialmente l'eliocentrismo come una pericolosa eresia. I libri di Copernico sull'astronomia furono banditi. Nonostante questo, lo scienziato ha continuato la sua ricerca. Alla fine, fu accusato di eresia. Ciò è accaduto dopo la pubblicazione del libro "Il dialogo sui due più importanti sistemi del mondo - Tolemaico e copernicano", che lo scienziato stava preparando da quasi 30 anni.


"Galileo davanti alla corte dell'Inquisizione." Joseph-Nicolas Robert-Fleury, 1847

Galileo, che ha accettato di rinunciare alle sue convinzioni, è stato condannato per aver distribuito un libro con una "falsa, eretica, contraria alla dottrina della Sacra Scrittura" sul moto della Terra. Fu dichiarato non eretico, ma "fortemente sospettato di eresia". Dopo l'annuncio del verdetto, Galileo in ginocchio pronuncia il testo dell'abdicazione offertagli. Lo scienziato trascorse il resto della sua vita agli arresti domiciliari e alla costante supervisione dell'Inquisizione.


Galileo è in prigione

Galileo è sepolto accanto a Michelangelo

Nei primi anni '80, la chiesa riabilitò Galileo, riconoscendo che l'Inquisizione fece un errore nel 1633, costringendo lo scienziato a rinunciare alla teoria copernicana.

Guarda il video: Fun Facts About Italy? doyouknowellie (Marzo 2020).

Loading...

Categorie Popolari