Massacro di Boston

Nel 1768, la Gran Bretagna impose tasse elevate sui beni di base prodotti in Inghilterra e importati nelle colonie. La Camera dei Rappresentanti del Massachusetts a Boston iniziò una campagna contro nuove tasse: una petizione fu scritta a Re Giorgio III, e le lettere furono inviate in camere di altri stati per chiedere di unirsi alla resistenza e boicottare mercanti che importassero merci dall'Inghilterra. Le lettere ad altre province di Boston a Londra ricevettero risposta dagli ordini dei governatori americani di disperdere tutti i parlamenti resistenti. Allo stesso tempo, una nave di Sua Maestà la Romney fu inviata a Boston. Arrivò lì nel maggio 1768. Inoltre, "quante truppe sarebbero servite" (il generale Thomas Gage) fu messo per sopprimere la rivolta.

Durante l'occupazione di Boston da parte dell'esercito reale nella città, è stato pubblicato un volantino anonimo "The Accident Magazine" che raccontava degli scontri tra il corpo locale e quello britannico. Soprattutto un sacco di problemi hanno causato il problema della fornitura di soldati. L'attrito crebbe quando Christopher Sider, "un giovane di undici anni", fu ucciso dai soldati il ​​22 febbraio 1770. La morte di Sider è stata glorificata nel Boston Newspaper, e l'addio a lui è diventato il più diffuso in tutta l'esistenza della città. Christopher è considerato la prima vittima della rivoluzione americana. La sua morte e il successivo aumento della propaganda sulla stampa versarono olio sul fuoco dell'odio reciproco tra soldati e cittadini. Bande di patrioti stavano cercando l'opportunità di attaccare i soldati reali, che a loro volta volevano lo stesso.


L'edificio è un ex governo coloniale. Lo scontro si è verificato proprio sulla piazza di fronte al balcone

Il massacro iniziò con una sciocchezza. Un mercante assistente ragazzo chiese che un ufficiale britannico pagasse il debito. Ha soddisfatto i requisiti e ha ignorato gli insulti con cui il ragazzo ha accompagnato i requisiti. Un soldato privato in piedi accanto al giovane fece notare che era più rispettoso con l'ufficiale. Il ragazzo ha iniziato a rimproverare e con il privato. Nel frattempo, gli spettatori stavano andando. Alla fine, l'uomo privato si è così ammalato del comportamento del ragazzo che lo ha colpito con il calcio di un moschetto. L'abuso è iniziato. Altri soldati arrivarono di corsa, anche i coloni stavano andando. In questo momento, la campana inizia a colpire - un avvertimento di un incendio - la gente lo ha scaricato per strada. Nessuno ha già capito nulla, la folla ha agito secondo il principio "siamo stati sconfitti!" I soldati erano tutti affollati, si sono formati per la difesa e hanno caricato le loro armi. Allo stesso tempo, il capitano Thomas Preston cercò di calmare la folla, assicurando che nessuno avrebbe sparato senza la sua squadra (lui stesso stava proprio davanti alle armi - i proiettili lo colpirono). La folla in ogni modo ha provocato i soldati. "Spara!" - pietre e terra volavano insieme a un grido contro gli inglesi.

Alla fine, la pietra cadde su Private Montgomery. Lasciò cadere il moschetto, lo sollevò, gridò: "Dannazione! Fuoco! "E scaraventò l'arma nella direzione della folla. Il capitano Preston fu ferito al braccio. Durante la schermaglia, i soldati hanno sparato a tre e ferito undici bostoniani, due non sono riusciti a riprendersi dalle ferite e sono morti. Il governatore Thomas Hutchinson riuscì a malapena a calmare la folla, che lo bloccò nell'edificio del consiglio locale. Dopo l'incidente, le truppe furono ritirate, i soldati e l'ufficiale furono arrestati. Il 27 marzo, otto soldati, il capitano Preston e quattro civili furono accusati delle uccisioni. Nel novembre dello stesso anno, quattro soldati furono condannati e quattro civili furono espulsi dal Massachusetts. L'incidente è stato attivamente esagerato dalla stampa, suscitando il malcontento di 13 colonie con la metropoli.

Guarda il video: Assassin's Creed 3 Gameplay Walkthrough part 11 ITA - Il massacro di Boston (Dicembre 2019).

Loading...