"Per aiutare quelli che poi aiutano se stessi"

La sfida del nostro secolo è la corretta gestione della ricchezza, in modo che i vincoli della fraternità possano continuare a collegare l'armonica relazione tra ricchi e poveri. Negli ultimi secoli, le condizioni della vita umana non solo sono cambiate, ma sono anche state rivoluzionate. In passato, c'erano poche differenze nel modo in cui il proprietario e i suoi domestici vivevano, vestiti, nutriti e con chi. Gli indiani oggi sono nella fase in cui l'uomo civilizzato era allora. Quando ho visitato la tribù Sioux, sono stato portato al wigwam del capo. Esteriormente, sembrava uguale ad altre case, e persino la differenza tra lui e la casa dei più poveri tra i suoi guerrieri era molto piccola. Il contrasto tra il palazzo di un milionario e la casa di un operaio è misurato oggi dagli standard che sono apparsi con la civiltà.

Tuttavia, questi cambiamenti non dovrebbero essere condannati, ma, al contrario, dovrebbero essere accolti come estremamente utili. Sono necessari, no, sono necessari per il progresso della razza umana, in modo che le case di alcuni possano diventare depositari per tutto il meglio della letteratura e dell'arte, per tutte le sottigliezze della civiltà, e questo è preferibile rispetto a quando non diventano tali. Meglio una così grande ingiustizia che la povertà universale. Senza ricchezza, non può esserci alcun Patrono. "I bei vecchi tempi" non erano i bei vecchi tempi. Né il padrone né il servo erano in una posizione così buona come oggi. Un ritorno alle vecchie condizioni di vita sarebbe disastroso per entrambi (e non meno per colui che serve) e oserebbe l'intera civiltà. Ma non importa se i cambiamenti siano buoni o cattivi, sono già accaduti e non possiamo cambiare nulla, quindi dovremmo accettarli e utilizzarli al meglio. La critica dell'inevitabile è una perdita di tempo.

Non è difficile vedere come sono arrivati ​​questi cambiamenti. Un'illustrazione è sufficiente per qualsiasi fase di questo processo. Si tratta di produzione, cioè di qualsiasi manifestazione di zelo umano, stimolata e rafforzata dalle invenzioni di questa era scientifica. In passato, le merci venivano prodotte su incendi domestici o in piccoli laboratori che facevano parte della casa. Il maestro ei suoi studenti lavoravano fianco a fianco, lo studente viveva accanto al maestro e, quindi, aveva le stesse condizioni di vita. Quando gli studenti crescevano per diventare maestri, non c'era alcun cambiamento nel loro stile di vita, e inculcavano le stesse abitudini alla prossima generazione di alunni. C'era, in effetti, uguaglianza sociale e persino politica, dato che coloro che erano impegnati nella produzione industriale non avevano una voce politica nello stato o la loro voce era appena udibile.

Il risultato inevitabile di questo modo di produzione sono stati i prodotti non complicati venduti ad alti yen. Oggi il mondo ha prodotti di eccellente qualità, venduti a prezzi che anche la generazione precedente considererebbe inauditi. Nel mondo del commercio, le stesse ragioni hanno causato risultati simili e hanno giovato agli esseri umani. Il povero uomo ha il fatto che prima non poteva permettersi l'uomo ricco. Quello che era considerato un lusso è diventato una necessità vitale. Oggi un agricoltore gode di maggiore comfort rispetto a un agricoltore di diverse generazioni fa. Il contadino ha più conforto di quanto lo fosse il proprietario terriero, si veste meglio e ha un alloggio migliore. Il proprietario terriero possiede libri e opere d'arte più preziosi e un ambiente più artistico nella casa di quanto il re potesse permettersi prima.

Non c'è dubbio che paghiamo un prezzo elevato per questi cambiamenti benefici. Raccogliamo migliaia di lavoratori nello stabilimento, nella miniera, nel reparto contabilità, di cui il datore di lavoro non sa o conosce pochissimo e per il quale il datore di lavoro significa poco più di un mito. La relazione tra loro è minima. Si formano caste dure e l'ignoranza reciproca porta, di regola, alla sfiducia reciproca. Ogni casta non ha simpatia per l'altro ed è pronta a credere a qualsiasi affermazione poco lusinghiera. Osservando le leggi della concorrenza, il datore di lavoro di migliaia di lavoratori è costretto a osservare un rigoroso regime di risparmio, che colpisce principalmente i salari, e spesso vi è attrito tra il datore di lavoro e il lavoratore, tra capitale e lavoro, tra ricchi e poveri. La società umana sta perdendo omogeneità. Il prezzo che la società paga per la legge della concorrenza è indubbiamente alto, quanto alto è il prezzo che paga per il comfort e il lusso a basso costo, ma i benefici di questa legge sono ancora più elevati, perché è a questa legge che dobbiamo il nostro sviluppo materiale di successo, che comporta condizioni migliori della vita. Ma indipendentemente dal fatto che la legge sia debole o meno, dovremmo dire la stessa cosa che abbiamo detto a proposito dei cambiamenti nelle condizioni di vita delle persone, di cui abbiamo discusso sopra: esiste, e non possiamo evitarlo; non è stata trovata alcuna sostituzione; e sebbene questa legge possa rivelarsi crudele per una persona individuale, è la migliore per la razza umana, poiché garantisce la sopravvivenza del più adatto in qualsiasi campo di attività. Pertanto accettiamo e accogliamo con favore le condizioni alle quali dobbiamo adattarci, l'enorme disuguaglianza nel nostro ambiente, la concentrazione del potere imprenditoriale, industriale e commerciale nelle mani di pochi e la legge della competizione tra loro come qualcosa non solo utile, ma anche necessario per il futuro progresso dell'umanità. Avendo riconosciuto tutto questo, dobbiamo riconoscere la necessità dell'esistenza di un ampio campo di attività per la manifestazione delle abilità speciali di un commerciante e di un industriale che deve condurre la sua attività su vasta scala. Quello. che il talento organizzativo e manageriale è una qualità rara di persone è dimostrato dal fatto che il suo proprietario è sempre garantito un enorme premio, non importa dove, in base a quale legge o in quali condizioni svolge le sue attività.

Le obiezioni alle basi su cui è costruita la società sono irrilevanti, poiché è molto meglio per l'umanità vivere secondo queste regole rispetto a qualsiasi legge precedentemente provata. Non possiamo essere sicuri dell'efficacia di qualsiasi altra base proposta. Un socialista o anarchico che cerca di rovesciare le condizioni esistenti dovrebbe essere visto come basato sul fondamento su cui poggia la civiltà stessa, dal momento in cui il conto alla rovescia della civiltà iniziò nel giorno in cui un lavoratore capace e laborioso disse al suo inetto e pigro amico: "Se non semini, tu e non mietono "- ponendo così fine al comunismo primitivo, separando i droni dalle api.

Coloro che studiano questo argomento giungeranno presto alla conclusione che il destino stesso della civiltà dipende dall'inviolabilità della proprietà - il diritto del lavoratore ai suoi cento dollari in una cassa di risparmio e, allo stesso modo, il diritto legale del milionario ai suoi milioni. Di conseguenza, la risposta a coloro che propongono di sostituire questo tipo di individualismo con il comunismo può essere una sola: l'umanità l'ha già provato. Tutto il progresso dal tempo della barbarie al nostro tempo è il risultato dell'abbandono.

Non danno, ma solo il beneficio ha portato all'umanità l'accumulo di ricchezza da parte di coloro che hanno la capacità e l'energia per produrlo. Ma anche se riconosciamo per un momento che sarebbe più proficuo per la società umana abbandonare il suo fondamento attuale - l'individualismo, che la situazione ideale sembra molto più nobile quando una persona dovrebbe lavorare non per se stessa, ma in una squadra dei suoi compagni in nome della fraternità tra loro e condividere con Sono tutti fraterni, realizzando l'idea di paradiso di Snedenborg, dove, come asserisce, gli angeli sperimentano la felicità, lavorando non per se stessi, ma l'uno per l'altro, pur avendo ammesso tutto questo, si può solo dire una cosa: non è l'evoluzione, ma la rivoluzione.

Una rivoluzione richiede un cambiamento della natura umana, che richiede secoli, anche se un tale cambiamento sarebbe vantaggioso, cosa che non possiamo sapere. È irreale oggi o nella nostra epoca. Anche se un simile cambiamento fosse teoricamente auspicabile, esso appartiene a una diversa e più distante formazione sociale. Il nostro dovere è realizzare ciò che è reale oggi, ciò che può essere realizzato da noi e durante la vita della nostra generazione. È criminale sprecare le nostre energie cercando di sradicare l'albero universale dell'umanità, mentre l'unica cosa che possiamo usare proficuamente o ciò che possiamo ottenere è solo inclinarla leggermente nelle attuali condizioni verso effetti benefici sulla produzione di frutti benefici. Con lo stesso successo, possiamo insistere nel distruggere il più perfetto dei tipi esistenti di uomini per non aver affrontato il tuo ideale e per eliminare l'individualismo, la proprietà privata, la legge dell'accumulazione della ricchezza e la legge della concorrenza, perché rappresentano i risultati più alti dell'esperienza umana. , il terreno dal quale la società ha finora ottenuto i migliori risultati. Nonostante le ineguaglianze e le ingiustizie che a volte sono caratteristiche dell'operare di queste leggi, e nonostante la loro apparente imperfezione nei confronti di un idealista, queste leggi, come il tipo di persona più ideale, sono il più prezioso di tutto ciò che l'umanità ha raggiunto fino ad oggi.

Procediamo, quindi, dallo stato di cose in cui sono rispettati i più alti interessi della razza umana, ma che inevitabilmente portano ricchezza a pochi. Ad oggi, riconoscendo le condizioni esistenti, la situazione può essere valutata come buona. E poi sorge la domanda, e se quanto sopra è vero, l'unica domanda che dovremmo rispondere è: come disporre correttamente della ricchezza dopo che le leggi su cui si basa l'umanità hanno trasferito questa ricchezza nelle mani di pochi? E propongo, nella mia mente, la soluzione giusta per questo enorme compito.

Ci sono solo tre modi per usare la ricchezza in eccesso. Può essere lasciato alle famiglie dei discendenti, può essere lasciato in eredità per esigenze pubbliche e può finalmente essere utilizzato dai suoi proprietari durante la loro vita. Ad oggi, sono stati utilizzati solo i primi due metodi di utilizzo della maggior parte della ricchezza del mondo accumulata da pochi. Diamo un'occhiata a ciascuno di questi metodi a turno.

Il primo metodo è il più irragionevole. Negli stati monarchici, il patrimonio immobiliare e la maggior parte della ricchezza passano nelle mani del figlio maggiore, dando ragione al genitore di accontentarsi dell'idea che il suo nome e il suo titolo siano trasmessi alle generazioni successive. La posizione di questa classe nell'Europa di oggi dimostra l'infondatezza di tali speranze e ambizioni. Gli eredi sono diventati più poveri a causa della loro imprudenza o del deprezzamento della terra. Perfino in Gran Bretagna, la rigida legge dell'eredità non era in grado di aiutare i discendenti a mantenere il loro status. La loro terra passa rapidamente nelle mani di estranei. Nelle condizioni del sistema statale repubblicano, la divisione della proprietà tra i bambini è più equa.

Ma per tutte le persone che pensano in tutti i paesi, viene posta una domanda urgente: perché una persona dovrebbe lasciare un'enorme fortuna ai suoi figli? Se questo è fatto per amore, questo amore è degno di un uso migliore? L'esperienza insegna che, in generale, un tale peso della vita dei bambini non serve il loro bene. Non serve il benessere dello stato. Con l'eccezione di fornire una moglie e figlie con una modesta fonte di reddito e un beneficio ancora più modesto per i loro figli ... i mariti ei padri dovrebbero essere imbarazzati, poiché non dubitano più che enormi somme ereditate più spesso rechino danni ai destinatari, non a beneficio.

Per quanto riguarda il secondo metodo - una volontà postuma di un grande stato per esigenze sociali - si può dire che questo è solo uno dei modi per gestire la ricchezza, a condizione che una persona debba attendere la sua morte prima che la sua ricchezza porti qualche beneficio al mondo. La familiarizzazione con i risultati dell'uso degli stati testamentari non può causare alcuna speranza luminosa di apportare significativi benefici postumi. Ci sono molti casi in cui il vero obiettivo a cui il testatore aspirava non è raggiunto o quando i suoi veri desideri sono distorti. Accade spesso che l'eredità sia usata in modo tale da diventare solo un monumento alle mode del testamento. Va ricordato che per usare la ricchezza per il vero beneficio della società, abbiamo bisogno di capacità che non siano inferiori a quelle necessarie per la sua accumulazione. Inoltre, sarebbe corretto dire che non si può elogiare una persona per ciò che non può non fare, o ringraziarlo per il fatto che lascia le sue ricchezze alla società solo dopo la sua morte. Le persone che fanno enormi somme in questo modo possono essere considerate giustamente persone che non avrebbero lasciato nulla se avessero avuto l'opportunità di portare tutto con loro.

Le persone che continuano ad accumulare enormi ricchezze per tutta la vita, il cui uso corretto nell'interesse generale andrebbe bene per la società, dovrebbero essere fatte per capire che la società rappresentata dallo stato non può essere privata del diritto a una parte decente di questo stato. Imbarchendo la proprietà ereditata con grosse tasse sulla morte del suo proprietario, lo stato esprime la sua condanna della vita indegna di un milionario egoista ... Una tale politica sarebbe un potente strumento per costringere il ricco a controllare la sua gestione patrimoniale durante la sua vita, e questo è l'obiettivo che la società segue sempre i nomi come fruttuoso per la gente. E non bisogna temere che una tale politica minacci le radici dell'imprenditorialità e renda le persone meno inclini ad accumulare, perché per quella classe di persone la cui intenzione è di lasciare in eredità enormi stati e di rimanere in memoria dopo la loro morte, sarà più attraente e in qualche modo più vera nobile modo di lasciare in eredità la sua grande fortuna allo stato.

Quindi, rimane un solo modo di usare gli stati enormi, ma contiene il vero antidoto alla distribuzione ineguale e temporanea della ricchezza - la riconciliazione tra ricchi e poveri. Il regno dell'armonia è un altro ideale che differisce dall'ideale comunista in quanto richiede solo un'ulteriore evoluzione delle condizioni esistenti, e non il rovesciamento della nostra civiltà. Si basa sull'individualismo più intenso di oggi e l'umanità è pronta a metterla in pratica a tappe, quando le piace.

Sotto la sua influenza, abbiamo ancora uno stato ideale in cui la ricchezza in eccesso di pochi diventerà letteralmente proprietà di molti, essendo governata per il bene comune, e questa ricchezza, passando per le mani di pochi, può diventare un mezzo molto più potente per sviluppare il genere. umano, che se fosse distribuito in piccole somme tra individui. Anche la persona più povera può essere convinta di questo, e sarà d'accordo sul fatto che le enormi somme accumulate dai suoi concittadini e spese a scopi pubblici, da cui le masse ricevono il beneficio principale, sono di molto più valore per loro che se fossero distribuite tra loro in scarse dimensioni. nel corso degli anni.

Tale, quindi, dovrebbe essere il debito di una persona ricca: prima di tutto, dare l'esempio per una vita modesta e senza pretese, evitando ostentazione e stravaganza, per provvedere a una scala moderata i bisogni legittimi di chi dipende da lui, e dopo aver soddisfatto questi requisiti, considera il reddito in eccesso ricevuto da lui , affidato alla sua gestione e strettamente soggetto alla sua gestione, che, a suo parere, è stato progettato per ottenere i risultati più vantaggiosi per la società. Quindi, una persona ricca diventa un semplice agente e trustee delle sue controparti più povere, fornendo i loro servizi con la loro saggezza, esperienza e la loro indiscutibile capacità di gestire e fare di più per loro di quanto avrebbero fatto o avrebbero potuto fare da soli.

I modi più utili per usare la ricchezza in eccesso sono già stati menzionati sopra. Coloro che gestiranno razionalmente i grandi stati dovrebbero davvero tenere a mente uno degli ostacoli più seri al miglioramento della razza umana: la carità indiscriminata. Sarebbe preferibile che l'umanità gettasse milioni di persone ricche nelle profondità del mare piuttosto che spenderli per incoraggiare i pigri, gli ubriaconi e gli scellerati. Из каждой тысячи долларов, затрачиваемых сегодня на так называемую благотворительность, 950 долларов, возможно, расходуются неразумно, расходуются так, что в результате возникают те самые пороки, которые предполагается смягчить или излечить.

Quando si fornisce la carità, la considerazione principale dovrebbe essere il desiderio di aiutare coloro che poi aiutano se stessi; dare una parte dei mezzi necessari con cui coloro che desiderano crescere riceveranno questa opportunità; fornire assistenza a coloro che vogliono avere successo in modo che possano raggiungere questo obiettivo. Aiutare solo occasionalmente e non rendere mai tutto possibile. Né l'individuo né l'intera umanità stanno migliorando dalle dispense. Un aiuto degno, con rare eccezioni, non lo richiede. Rappresentanti di valore del genere umano non fanno mai questo, senza contare casi di emergenza o cambiamenti improvvisi ... Il modo migliore per avvantaggiare la società è mettere alla portata di una scala che l'aspirante al successo potrebbe scalare: parchi e aree ricreative che aiutano le persone a migliorare se stessi nel corpo e nello spirito , opere d'arte che portano la soddisfazione delle persone e migliorano il gusto del pubblico, e tutti i tipi di istituzioni pubbliche che migliorano le condizioni di vita generali delle persone, ritornando così AZoM eccessiva ricchezza dei loro fratelli nelle forme che sono meglio progettati per portarli ad un beneficio a lungo termine.

Questo è il problema dei ricchi e dei poveri, da risolvere. Le leggi dell'accumulazione rimarranno libere; le leggi della distribuzione sono gratuite. L'individualismo continuerà ad esistere, ma il milionario sarà solo un trustee dei poveri, ai quali verrà affidata la gestione temporanea di una parte significativa della crescente ricchezza della società, ma gestendola per conto della società con maggior successo che se la società la gestisse indipendentemente. Le migliori menti sono state così raggiunte nella fase dello sviluppo umano, in cui diventerà chiaro che non c'è altro modo per distribuire la ricchezza in eccesso creata da persone razionali e oneste nelle cui mani si scopre, eccetto che usarla anno dopo anno per il bene comune. Questo giorno sta già arrivando ...

Guarda il video: benny blanco, Halsey & Khalid Eastside official video (Dicembre 2019).

Loading...

Categorie Popolari